Leonardo e la matematica

Notes

Secondo Freud, Leonardo «si svegliò troppo presto dalle tenebre mentre gli altri uomini dormivano ancora». Questo libro dimostra l’interesse che il genio di Vinci ebbe per questa disciplina, che tra il XV e il XVI secolo stava vivendo un’importante stagione della propria
storia, ma si occupa anche del Leonardo artista, anatomista, ingegnere, poeta, sognatore, fisico,
astronomo… perché se complessa è in genere la mente umana, assai più lo è quella di questo uomo.
Dopo un’ampia sezione dedicata alla matematica dei tempi di Leonardo, con particolare attenzione all’algebra, alla geometria e all’aritmetica, si entra nel cuore dell’argomento: la matematica presente nei codici leonardeschi. Si susseguono così le ricerche sulla sezione aurea, le costruzioni “con riga e compasso”, la quadratura delle lunule e gli usi del metodo della “falsa
posizione”, e ancora i poliedri realizzati per il trattato Divina Proporzione di Luca Pacioli e alcuni studi sulle tassellature…
Con acume e freschezza Leonardo sfida la cultura e l’arte del suo tempo, lasciando a
distanza di mezzo millennio un’impronta indelebile del suo genio.